Potrei scriverti scusa, ho avuto paura e tu capiresti.

Potrei scriverti scusa, ho avuto paura e tu capiresti.

Grazie ma non posso restare. 


Sarebbe meraviglioso, sarebbe semplice. Sarebbe perfetto.

Potrei inviarti un messaggio adesso. Potrei scriverti: “scusa, ho avuto paura” e tu capiresti.

Mi perdoneresti esattamente come io ho perdonato te, ma non funzionerebbe.

É stato bello, ma non abbastanza. É stato magico, ma non troppo. Sono sicura che te ne sei accorto anche tu.

Ti ho aspettato per così tanto tempo che il lieto fine sarebbe stato quasi doveroso.

In questi mesi mi é cambiato il viso, mi sono specializzata in sorrisi tristi e in canzoni rigorosamente non d’amore.

Mi sono affezionata a quella che sono diventata dopo di te. Ricominciare insieme sarebbe meno faticoso e forse ce la potremmo cavare.

Sarebbero tutti contenti, perché le storie che non sanno finire riempiono di speranza chi ha qualcuno da aspettare.

In qualche modo andremo avanti.

A volte saremmo quasi felici, altre volte, invece, ci lasceremmo sopraffare dall’insoddisfazione, dalla vigliaccheria, dai sensi di colpa per una vita che abbiamo scelto di soffocare.

In qualche modo andremmo avanti, mediocri e stanchi, con gli occhi rossi di chi spera senza il coraggio di osare.

Con gli occhi di chi non é stato in grado di essere libero.

Di lasciarsi andare. Io non posso farti questo e non posso fare questo a me stessa.

Non mi voglio accontentare solo perché adesso l’idea di perderti mi fa troppo male. Preferisco piangere ora che te ne vai.
Non voglio i tuoi baci, non voglio le tue carezze che di certo allevierebbero il dolore, ma non mi salverebbero.


Io, amore mio, mi devo rialzare da sola. Voglio arrivare in fondo a tutto questo dolore perché tutto questo dolore non mi venga più a cercare.

Mi salveranno le lacrime, mi salverà la curiosità di scoprire la vera me che prevarrà tra tutte quelle che mi porto dentro.

Mi salveranno anche i nostri ricordi. 


Ti porterò con me, mi camminerai davanti e io non ti chiederò mai di fermarti.

Ogni tanto, quando il gioco si fará duro, guarderò la tua schiena e il tuo profilo e starò subito meglio.

Continuerò a scegliere l’amore, sempre, ed é per questo che non ti cercherò più.
Che ti chiedo di non cercarmi più. É per questo che ti mando un bacio, anzi cento, e ti prego di non rimandarmeli indietro.

Tienili tu, uno per la donna che ti saprà amare fino in fondo.

Uno per quando ti ritornerò in mente e uno per quando il mio ricordo smetterà di farti male.

Uno per te, solo per te, per quello che sei e uno per quello che siamo stati insieme.

L’altro per quello che saremmo potuti essere.

E allora arrivederci in un sogno, arrivederci nei ricordi, arrivederci un giorno per caso, in cui ci sembrerà che il tempo non sia mai passato.

Non piangere per me,ci penso io.

Penso a tutto io. Alle lacrime, alle foto, a non voltarmi. Per me ridi, salta, sbaglia e impara, sbaglia e basta.

Per me, perché tutto questo sia servito a qualcosa. Pensami raramente, perché é giusto che sia così, 


ma quando lo farai,
ti prego,
sorridi.

Potrei scriverti scusa, ho avuto paura e tu capiresti.

Susanna Casciani, Meglio soffrire che mettere in un ripostiglio il cuore.

 

Leggi anche:

  1. Sono stata a pezzi quando meno me lo meritavo
  2. Non avete mai paura di finire in mille pezzi
  3. Diamoci del tu e odiamoci per finta
  4. Ho aspettato il suo ritorno
  5. Io mi scuso, sono andata via

 

Potrei scriverti scusa, ho avuto paura e tu capiresti
Photo: Lesly B. Juarez

Potrei scriverti scusa, ho avuto paura e tu capiresti